ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Serie B 1972/73. Una Nuova Epoca.

I nostri cori, e la nostra Fede !

Moderatori: Moderatori, Moderatore Plus

Rispondi
asbr73
Messaggi: 4745
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Serie B 1972/73. Una Nuova Epoca.

Messaggio da asbr73 »

SERIE B - 1972/73

ASCOLI - VARESE-0-1
Cielo coperto, terreno pesante e 12.000 spettatori circa “salutano” l’esordio dell’Ascoli in Serie B nel suo stadio. E’ il 17 settembre 1972.
Ospitiamo il rinnovato Varese, appena retrocesso dopo un disastroso Campionato di A in cui aveva totalizzato una sola vittoria su 30 partite (al centro della difesa bianco-rossa esordisce un certo Claudio Gentile, destinato 10 anni dopo ad alzare la Coppa del Mondo FIFA).
L’Ascoli conferma “in sostanza” la squadra che ha dominato il Girone B della Serie C 1971/72.
In porta esordisce in Serie B (al posto di Masoni, che è in panchina) il 28enne friulano Armando Buffon, tornato ad Ascoli dopo 4 anni passati fra Brescia, Reggiana e Genoa.
Terzini confermati Vezzoso e Schicchi.
Confermati anche Pagani, Castoldi e Minigutti in retroguardia.
Infine schierati da destra a sinistra in avanti: 7 Colombini, 8 Mario Colautti (altro friulano, al posto dell’omonimo Vivani sempre presente nel 1971/72), 9 Bertarelli, 10 Gola ed 11 Campanini.
E’ un Ascoli definito “competitore eccellente almeno sul piano dell’agonismo e dell’impegno”.
Fra i titoli dei giornali del lunedì è piuttosto eloquente un “Molto sfortunato l’Ascoli”.
L’articolo recita: “...I neo-promossi dell'Ascoli hanno infatti giocato a spron battuto, costretti anche da uno svolgimento dell'andamento della partita poco fortunato. In svantaggio infatti dopo un quarto d'ora di gioco della ripresa, 1'Ascoli e stato costretto giocoforza a rincorrere, aprendosi in avanti ma sempre riuscendo a chiudere i varchi a reiterati contropiedi varesini. Dando quindi nel complesso impressione di efficienza a tutti i livelli e a tutti i reparti….”
Continua la cronaca “...II Varese era sceso ad Ascoli dimostrando di essere intenzionato a strappare l'intera posta. Ed infatti ha attaccato per tutti i primi 10 minuti di gioco, senza praticamente dar tregua alla retroguardia avversaria. Raramente in questa fase gli uomini di casa sono riusciti a rompere l'assedio, con trame, però piuttosto elaborate, dei vari Campanini e Bertarelli. II Varese si faceva poi più prudente senza tuttavia rinunciare a puntate di qualche efficacia. Numerosi gli scontri….”.
Infine: “...Nella ripresa il gioco è stato alquanto equilibrato. Su una azione di contropiede al 15' il Varese è riuscito però ad andare a segno con Prato. L'Ascoli si è scatenato alla ricerca del pareggio ma pur andando più volte vicino alla rete non è stato fortunato. Da registrare due pali: uno di Colautti e l'altro di Vezzoso. Poi il fischio di chiusura, a sancire la vittoria del Varese.”

CATANZARO - ASCOLI - 3-1
A Catanzaro la prima trasferta.
L’Ascoli disputa un buon primo tempo (“un calcio piacevole e lineare”) che si chiude sul 1-1.
Subiamo un gol di testa al 14’ sugli sviluppi di un corner e pareggiamo al 26’ grazie ad un preciso colpo di testa di Renato Campanini (e di chi se no ?).
Al 54’ l’episodio probabilmente decisivo: un retro-passaggio errato di Minigutti – vero e proprio “infortunio” - serve l’attaccante avversario Bonfanti, che “ringrazia” e segna.
L’altro attaccante giallo-rosso Petrini di testa sigla il definitivo 3-1 al 66’.
Il miglior bianco-nero in campo pare Steno Gola, gratificato da un lusinghiero 7,5 nella “pagella” del giornalista Pantaleone Sergi.

ASCOLI - CATANIA - 2-0
E’ invece Mario Vivani il bianco-nero che “spicca” in Ascoli-Catania-2-0.
Arriva finalmente la prima vittoria in Campionato.
Colautti su rigore (mani in area) e Campanini “da opportunista” sono i marcatori.

CESENA - ASCOLI - 2-0
Campanini è a sua volta “migliore in campo” a Cesena, domenica 8 ottobre.
Matura tuttavia un 2-0 per i romagnoli al termine di una partita dalla cronaca “scarna”.
Un clamoroso autogol dell’Ascoli al 14’ “spiana” la strada al Cesena che riesce ad arginare bene gli attacchi avversari, alquanto flebili nonostante l’impegno di Campanini troppo solo in avanti (assente Bertarelli come centrattacco non incidono né nel primo tempo Bianchini – alla sua unica presenza peraltro da “6” in pagella – né nel secondo tempo Macciò).
E’ un retro-passaggio indirizzato al portiere con “sufficienza” da Colautti, in completa solitudine, che trova Buffon fuori dai pali e che si insacca nonostante il tentativo del nr 1 di “smanacciare” il pallone in extremis. Il Cesena poi raddoppia nel secondo tempo e sfiora anche il tris.
Insomma l’Ascoli dopo 4 gare si ritrova nel gruppo delle ultime in classifica.

asbr73
Messaggi: 4745
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

Re: ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Serie B 1972/73. Una Nuova Epoca.

Messaggio da asbr73 »

ASCOLI – LECCO - 3-0
Bertarelli torna ad indossare la nr 9 bianco-nera contro il Lecco.
Ed il pubblico del Del Duca decisamente se ne accorge !
Al 20’ il centravanti ascolano dribbla 3 avversari e “cannoneggia” in rete la palla dell’1-0.
Al 45’ su cross dal fondo di Campanini Bertarelli solo in area raddoppia da pochi passi.
Al 90’ è Campanini di testa a fissare il 3-0, ripetutamente sfiorato nel corso di un secondo tempo ricco di occasioni.

FOGGIA – ASCOLI - 1-0
Segue un altro “stop” in trasferta.
L’Ascoli non demerita ma perde anche a Foggia (terza trasferta su tre sfortunata).
Nel primo tempo Buffon riesce a parare un rigore ma successivamente deve “raccogliere” dalla rete il pallone del gol-partita calciato da Villa.
Nella ripresa l’Ascoli “spinge”, gioca bene ma non è incisivo.
Un Foggia definito “arruffone” si aggiudica il match ed i 2 punti in palio.
L’Ascoli dovrà sfruttare il doppio turno casalingo “a cavallo” della Festività di Tuttisanti.

ASCOLI – MANTOVA- 1-0
La squadra marchigiana riesce a battere il Mantova per 1-0 grazie a Bertarelli.
Dalla cronaca del tempo di Mario Paoletti “...Riepilogando, il primo tempo e stato dominato dai bianconeri, che si mostravano attenti in difesa con l'ottimo libero Pagani pronto a rimediare alle distrazioni dei compagni arretrati, con l'ottimo trio Minigutti-Vivani-Gola padrone assoluto del centro-campo. All'inizio della ripresa l'Ascoli parte deciso a segnare. II gol arriva al 5’ su corner: respinge corto Recchi e Bertarelli in rovesciata realizza. Un minuto dopo Campanini in azione da contropiede coglie il palo….”
Si dice inoltre che “...il Mantova ha fatto di tutto per pareggiare ma l'Ascoli ha difeso i suoi due punti a denti stretti…” e che nell’Ascoli tutti hanno giocato molto bene.

ASCOLI – BARI – 4-0
Giunge ad Ascoli il Bari, secondo in classifica, imbattuto in trasferta e forte della miglior difesa del torneo.
Dalla cronaca: “...Il gioco dell'Ascoli nei primi 45 minuti è stato deciso e implacabile: 2 occasioni 2 gol. Il Bari ha mancato nel gioco offensivo. Le sue punte sono state fermate da una difesa ascolana molto attenta….”. Bertarelli (poderoso bolide in corsa col piede mancino, al volo su cross teso di Gola da sinistra al minuto 11’) e Colombini (al 40’ l’ala batte il portiere pugliese “in uscita”) mandano le squadre al riposo sul 2-0.
Ad inizio del secondo tempo l’espulsione di due giocatori del Bari agevola alquanto i padroni di casa, che hanno la capacità di chiudere addirittura sul 4-0 (Colombini causa un autogol e poi ottiene la personale doppietta sul finire): risultato davvero clamoroso, tanto più che ottenuto contro una squadra che aveva concesso solo 3 gol in 7 gare.

GENOA - ASCOLI - 6-1
La netta sconfitta al Luigi Ferraris contro la capolista Genoa conferma le difficoltà dell'Ascoli in trasferta: non abbiamo ancora trovato punti lontano dal Del Duca !

TARANTO - ASCOLI - 2-1
Il Taranto incontra l'Ascoli sperando di ottenere finalmente la prima vittoria in campionato.
La partita è brutta ma il Taranto chiude il primo tempo in vantaggio.
Poi Campanini sfrutta un intelligente passaggio di Minigutti da punizione e pareggia all'inizio della ripresa.
A 10' dal termine Colombini viene espulso per proteste dopo che l'arbitro Carminati (da 5 in pagella) ci ha negato un rigore.
Infine al 90' Majo rende amara anche la quinta trasferta per l'Ascoli, segnando il 2-1 finale e firmando l'aggancio in classifica ai bianco-neri ad 8 punti.
Soltanto 3 squadre (tutte lombarde) rimangono dietro di noi, che abbiamo ora la peggior difesa del campionato come reti subite: sono il Lecco (con 5 punti), il Mantova ed il Brescia (entrambe a quota 6 punti).

Rispondi